Skip to content

Workers beside the Wilderness

Workers beside the Wilderness
[Lavoratori accanto alla Natura]

 

> Si capisce che sono stanchi e si stanno riposando, fumando una sigaretta, che deve avere lo stesso sapore di quello che si direbbe petrolio, che impregna le loro tute, le loro mani e le loro facce.

> Ci sembra di conoscerli, ma hanno un volto che potrebbe essere scambiato con quello di un altro.

> Ci chiediamo che lavoro svolgano, quale emergenza abbiano dovuto affrontare, ma non fino al punto di volerlo sapere veramente, sia perché non è il nostro lavoro, e non capiremmo, sia perché abbiamo imparato che ognuno ha il suo posto, la sua funzione.

> Ci chiediamo vagamente se quella alle loro spalle sia una finestra vera o propria, presso cui si sono seduti per respirare un po’ d’aria fresca, o se sia solo un manifesto, una foto come quelle appese nelle sale d’attesa; ma anche se così fosse, una foto è meglio di niente, ci affrettiamo a pensare.

> Non lo sappiamo, però immaginiamo che i due provino conforto al pensiero che almeno fuori dal luogo in cui espletano la loro gravosa funzione, si perpetua ancora, infinito, il regno di Madre Natura.

> Ci riflettiamo, osservando anche noi quella che parrebbe una laguna [o la sua riproduzione], la cui bellezza primordiale è certamente depositaria e custode di segreti e sedimenti tali da far sembrare insignificante ogni impresa dell’Umanità, che della Natura si è resa padrona.

> Commossi dalla nostra stessa, spontanea comprensione, indugiamo con lo sguardo sulle acque dalle quali è sorto l’Uomo stesso, inoltrandosi lungo il suo tortuoso e glorioso quanto nefasto cammino, e ci chiediamo cosa mai possa averlo spinto a diventare tanto ingordo da fare a pezzi e divorare la sua stessa Madre, ad asservire i suoi stessi simili, pur di portare a termine il suo dissennato progetto di riformulare il Creato.

> Per fare cosa, e andare dove, ci chiediamo, guardando la laguna.

> Quanto al petrolio, non ci chiediamo di dove venga, o perché ne siano sporche le loro mani e le loro tute, sia perché non ce n’è bisogno, sia perché lo sappiamo.

Iscriviti alla newsletter di Mancaspazio!

Oltre ad essere sempre aggiornato sulle news della galleria avrai accesso in anteprima all'intero catalogo delle opere disponibili.